» Home

Scheggino

Superficie 3.603 ha - Popolazione 466 (199?). Altitudine capoluogo m. 281 s.l.m.

Scheggino è un castello di pendio a forma triangolare, con in cima un cassero e torre di avvistamento, sorto sulla riva sinistra del Nera, a guardia dell'antica strada e di uno dei pochi attraversamenti del fiume. Il suo nome si deve probabilmente alla conformazione del terreno su cui è sorto, con la presenza di molte rocce in forma di schegge. Il suo nucleo originale si deve al sec. XIII, quando alla preesistente torre si cominciarono ad addossare le abitazione degli abitanti qui rifugiatisi dopo la distruzione del castello feudale di Pozzano, situato nelle vicinanze. Nell'abitato si può individuare la parte più antica, in alto, detta "Capo la terra", cinta dalla prima cerchia di mura e per la maggior parte diruta, l'espansione dei sec. XIV e XV, più a valle, il borgo del sec. XVI, lungo il canale di adduzione del mulino, e l'espansione al di là del fiume dei secoli successivi. Tra le vestigia medievali sono ancora visibili la cerchia muraria, la torre di vedetta, le porte e numerosi baluardi di fortificazione. Il 23 luglio del 1522 il castello seppe difendersi da un assalto di ribelli e fuoriusciti della città di Spoleto, con l'ausilio delle donne e dei fanciulli, che dall'alto delle mura difesero animosamente le loro case, malgrado gli uomini validi fossero assenti per la mietitura. Dalla strada moderna si accede ora alla piazza principale, che funge da platea per la vista panoramica del castello, dal quale emerge anche il palazzetto comunale con la torre dell'orologio, simbolo della libertà comunale.

Monumenti principali:
Chiesa di S. Nicola (sec. XIV, ristrutturata nel sec. XVI); - Chiesa di S Rocco (sec. XVI); - Chiesa di S. Felicita (sec. XII); - Palazzo Comunale (sec. XVI); - Villa Poli (sec. XVII); - Parco di Valcasana con pesca sportiva e camping.

Feste, Manifestazioni, Mostre:
6 Gennaio (Canto delle Pasquarelle); o Domenica successiva al 17 Gennaio (Festa di S. Antonio Abate); o Secondo fine settimana di Marzo (Degustazione del tartufo); o Terza domenica di maggio (Festa della Madonna del Buon Consiglio a Ceselli); o Ultima domenica di Maggio (Festa della Madonna del Buon Consiglio); o Domenica successiva il 15 Giugno (Festa di S. Vito a Ceselli); o Ultima domenica di Luglio (Rievocazione storica); o Ultima domenica di Luglio (Festa della Pecora a Monte S. Vito); o 2 Agosto (Festa del Perdono); o Mese di Agosto (Sagra della trota nel Parco di Valcasana e Sagra della panzanella a Ceselli); o Seconda domenica di Ottobre (Festa della Madonna Addolorata).

Frazioni e località principali:
Ceselli (Scheggino) castello di poggio: Chiesa parrocchiale di S. Michele Arcangelo (sec. XVI), Chiesa di S. Vito (sec. XIII), Chiesa di S. Sabino (sec. XII);
Civitella (Scheggino) castello di poggio: Chiesa di S. Giovanni Evangelista antica pieve (sec. XV), Chiesa di S. Maria della Luce (sec. XVI);
Collefabbri (Scheggino) villa di transito: Chiesa di S. Stefano (sec. XIV);
Monte S. Vito (Scheggino) castello di poggio: Chiesa parrocchiale di S. Michele Arcangelo (sec. XIV), Chiesa di S. Maria delle Grazie (sec. XVI);
Puntuglia (Scheggino) borgo fortificato: Antico mulino idraulico da grano e da olio ( sec. XVI);
S. Valentino (Scheggino) castello di poggio: Chiesa di S. Valentino (sec. XIV);
Schioppo (Scheggino) castello di pendio: Chiesa di S. Nicola (sec. XIV);

Enti Territoriali del CEDRAV


Il CEDRAV raccoglie la documentazione, effettua ricerche su aspetti delle culture locali nella dorsale appenninica umbra.

Progetto Atlante


L'Atlante consente l'esplorazione analitica delle informazioni sul patrimonio culturale e ambientale della Valnerina secondo una pluralità di approcci, territoriale, tematico, temporale, e la loro... Entra...

Progetto Ecomuseo


Ripercorrendo storici itinerari con carovane di muli, allo stesso passo dei viandanti di un tempo. Ripercorrendo storici itinerari con carovane di muli, allo stesso passo dei viandanti di un tempo. Entra...