» Home

Poggiodomo

Superficie 4.001 ha - Popolazione 187 (199?). Altitudine capoluogo mt. 974 s.l.m.

Poggiodomo è uno dei più piccoli comuni d'Italia, con il capoluogo e tre frazioni, ed è il comune più alto in quota della Valnerina. Il centro storico del capoluogo è costituito da un castello fondato nel XIII secolo, tipico degli insediamenti edificati su uno sperone di roccia, che si è andato via via sfaldando, per cui l'antico abitato si è ridotto notevolmente. Si è invece sviluppato a partire dal sec. XVII, il borgo di S. Pietro, per la maggior parte costituito da edifici di carattere gentilizio, usati già in quell'epoca per il soggiorno estivo data la salubrità del luogo. Dopo aver conosciuto un periodo feudale, il castello è entrato a far parte del territorio di Cascia a cui è stato unito fino all'epoca dell'occupazione francese, quando fu eretto a comune autonomo. La seguente restaurazione ha lasciato inalterato tale ordinamento, compensando Cascia con l'acquisizione di Castel S. Maria, tolto a Norcia. Particolarmente interessante in questo Comune è la frazione di Usigni, luogo di nascita del Cardinale Fausto Poli, uno dei personaggi italiani emergenti della prima metà del 1600 divenuto segretario particolare di Papa Urbano VIII. La presenza del Cardinale Poli fu decisiva per queste zone, infatti fu lui che, praticamente, iniziò il culto di S. Rita e che ricolmò le chiese della Valle di oggetti e di dipinti di notevole importanza storico-artistica.

Monumenti principali:
Chiesa parrocchiale di S. Carlo Borromeo (sec. XVII); - Chiesa di S. Pietro (sec. XIV); - Chiesa di S. Lorenzo (sec. XIII); - Chiesa della Madonna delle Grazie (sec. XVI).

Feste, Manifestazioni, Mostre:
5 Gennaio (Canto della Pasquetta); o 17 Gennaio (Festa di S. Antonio Abate); o Mese di Maggio (Pellegrinaggi alla Madonna della Stella); o 6 Agosto (Festa di S. Salvatore a Usigni); o 2° Domenica di Agosto (Festa di S. Antonio da Padova a Mucciafora); o 3° Domenica di Agosto (Festa del Sacro Cuore); o 24 Agosto (Festa di S. Bartolomeo a Mucciafora); o 4° Domenica di Agosto (Festa di S. Antonio da Padova); o 1° Domenica di Settembre (Festa di S. Giuseppe d'Arimatea a Roccatamburo); o 9 Dicembre (Festa delle Campane); o 24 Dicembre (Fuoco della notte di Natale).

Frazioni e località principali:
Madonna della Stella (Poggiodomo)Eremo e santuario già di S. Croce (sec. XIV);
Mucciafora (Poggiodomo) castello di pendio: Chiesa parrocchiale di S. Bartolomeo (sec. XIII rinnovata nel sec. XVIII), Chiesa di S. Angelo (sec. XIII), Chiesa della Madonna della Pace (sec. XVI);
Roccatamburo (Poggiodomo) castello di pendio: Chiesa di S. Giuseppe d'Arimatea (sec. XIII) antica pieve e Chiesa parrocchiale di S. Nicola (sec. XIV);
Usigni (Poggiodomo) castello di poggio: Chiesa parrocchiale di S. Salvatore (sec. XVII), Chiesa campestre di S. Salvatore (sec. XVI), Palazzo e Pozzo Poli (sec. XVII).

Enti Territoriali del CEDRAV


Il CEDRAV raccoglie la documentazione, effettua ricerche su aspetti delle culture locali nella dorsale appenninica umbra.

Progetto Atlante


L'Atlante consente l'esplorazione analitica delle informazioni sul patrimonio culturale e ambientale della Valnerina secondo una pluralità di approcci, territoriale, tematico, temporale, e la loro... Entra...

Progetto Ecomuseo


Ripercorrendo storici itinerari con carovane di muli, allo stesso passo dei viandanti di un tempo. Ripercorrendo storici itinerari con carovane di muli, allo stesso passo dei viandanti di un tempo. Entra...